Via Galli 99 Abbiate Guazzone        21049 Tradate (Va) 0331 849507   P.Iva 00845730126 - R.e.a. Va-291338 info@asiloabbiateguazzone.it, asilo@pec.asiloabbiateguazzone.it http://www.asiloabbiateguazzone.it

FONDAZIONE ASILO ABBIATE GUAZZONE

La consapevolezza che la Scuola è comunità educante e che attraverso

l’impegno e le conoscenze, favorisce la crescita delle potenzialità individuali.

ORIGINI

Art.n°1  

  

L’attuale  

  

scuola  

  

materna  

  

Asilo  

  

infantile  

  

di  

  

Abbiate  

  

Guazzone  

  

fu  

  

istituita  

  

per  

  

effetto  

  

di  

  

apporti  

 

pubblici  

  

e  

privati  

  

nel  

  

1904  

  

La  

  

scuola  

  

fu  

  

eretta  

  

in  

  

ente  

  

morale  

  

con  

  

RD  

  

in  

  

data  

  

29  

  

Settembre  

  

1904  

  

ed  

 

assunse  

  

la  

  

qualifica  

  

di  

IPAB,  

  

regolata  

  

dalle  

  

norme  

  

della  

  

legge  

  

17/71890  

  

n.  

  

6972  

  

e  

  

succ.  

  

modd.  

 

A  

  

seguito  

 

del  

  

D.P.R.  

  

24/7/1977  

  

n.  

  

616,  

  

con  

decreto  

  

  

del  

  

  

Presidente  

  

  

del  

  

  

Consiglio  

  

  

dei  

  

  

Ministri  

  

  

in  

  

  

data  

  

  

1978  

  

Pubblicato  

  

  

sulla  

  

  

Gazzetta  

  

  

Ufficiale  

  

  

n361….  

  

  

Del  

29/12/78  

  

lAsilo  

  

Infantile  

  

di  

  

Abbiate  

  

Guazzone  

  

Venne  

 

ricompressa  

  

tra  

  

le  

  

II.PP.A.B.  

  

escluse  

  

dal  

  

trasferimento  

  

ai  

comuni  

  

“in  

  

quanto  

  

svolgenti  

  

in  

  

modo  

  

precipuo  

 

attività   

   

inerenti   

   

la   

   

sfera   

   

educativo-religiosa”.   

   

Il   

   

presente   

   

statuto   

viene   

   

approvato   

   

unitamente   

   

alla   

trasformazione  

  

dell’ente  

  

da  

  

I.P.A.B.  

  

in  

  

persona  

  

giuridica  

  

di  

  

diritto  

  

privato  

  

senza  

scopo  

di  

lucro,  

trasformazione

deliberata dall’ente stesso in attuazione della L. 13.2.2003 n. 1

DENOMINAZIONE – SEDE – DURATA – SCOPI

Art.n°2

A  

  

seguito  

  

della  

  

trasformazione  

  

di  

  

cui  

  

all’art.  

  

1  

  

la  

  

scuola.MATERNA

Asilo  

  

Infantile  

  

di

Abbiate  

  

Guazzone  

 

È  

  

una  

Fondazione  

  

regolata  

  

dagli  

  

articoli  

  

14  

  

e  

  

seguenti  

  

del  

  

Codice  

  

civile,  

  

ha  

  

durata  

  

illimitata  

  

ed  

  

ha  

  

sede  

  

in  

 

Tradate  via Galli n. 99

Art.n°3  

  

L’asilo  

  

infantile  

  

di  

Abbiate  

  

Guazzone  

  

è  

  

una  

  

scuola  

  

privata  

  

d’ispirazione  

  

cattolica  

  

non  

  

si  

  

non  

  

si  

 

prefigge  

  

fini  

  

di  

lucro  

  

e  

  

svolge  

  

la  

  

sua  

  

attività  

  

nell’ambito  

  

territoriale  

  

della  

  

Regione  

  

Lombardia.  

  

Essa  

  

ha  

  

lo  

 

scopo  

  

di  

  

accogliere,  

secondo  

  

il  

  

calendario  

  

stabilito  

  

dal  

  

regolamento  

  

interno,  

  

i  

  

bambini  

  

di  

  

entrambi  

  

i  

  

sessi  

 

in  

  

età  

  

prescolare  

  

del  

  

comune  

di  

  

Tradate  

  

e,  

  

nel  

  

caso  

  

vi  

  

siano  

  

posti  

  

disponibili,  

  

anche  

  

bambini  

  

provenienti  

 

da  

  

altri  

  

comuni  

  

limitrofi,  

  

provvedendo  

alla  

loro  

educazione  

ed  

istruzione,  

morale,  

culturale  

e  

religiosa,  

nei  

limiti

consentiti dalla loro età.

Art.n°4  

  

I  

  

bambini  

  

ammessi  

  

alla  

  

scuola  

  

materna  

  

non  

  

possono  

  

rimanervi  

  

oltre  

  

i  

  

termini  

  

previsti  

  

secondo  

  

le  

 

vigenti leggi, per ricevere l’istruzione elementare

Art.n°5  

  

Apposito  

  

regolamento  

  

stabilisce  

  

le  

  

norme  

  

sulle  

  

modalità  

  

e  

  

sui  

  

requisiti  

  

di  

  

ammissione  

  

e  

frequenza.Nella scuola è vietata ogni forma di discriminazione e disparità di trattamento tra i bambini.

PATRIMONIO E MEZZI FINAZIARI

Art.n°6  

  

La  

  

scuola  

  

provvede  

  

al  

  

raggiungimento  

  

dei  

  

propri  

  

fini:  

  

con  

  

proventi  

  

derivanti  

  

dal  

  

patrimonio,  

  

il  

  

quale  

 

è  

costituito  

da  

un  

immobile  

con  

valore  

di  

Euro  

1.833.913,66•  

Con  

le  

rette  

degli  

utenti•  

Con  

in  

contributi  

di  

enti

pubblici  

e  

privati•  

  

Con  

  

ogni  

  

altro  

  

provento  

  

non  

  

espressamente  

  

attribuito  

  

all’incremento  

  

del  

  

patrimonio.  

L’esercizio  finanziario  si chiude al 31 dicembre di ogni anno

Art.n°7  

  

L’Asilo  

  

infantile  

  

di  

 

Abbiate  

  

Guazzone  

  

e  

  

retto  

  

da  

  

un  

  

Consiglio  

  

di  

 

Amministrazione  

  

composto  

  

da  

  

n.  

  

5  

 

membri:  

il  

Consiglio  

nomina  

nel  

proprio  

seno  

il  

Presidente  

ed  

il  

Vice  

Presidente.Fanno  

parte  

del  

Consiglio  

di

amministrazione  

i  

seguenti  

membri:•  

N.  

2  

rappresentanti  

del  

Consiglio  

Comunale,  

di  

cui  

1  

della  

minoranza•  

N.  

2

rappresentati  

dei  

genitori,  

da  

essi  

eletti  

con  

apposita  

votazione  

segreta;•  

Il  

Parroco  

pro  

tempore  

della  

Parrocchia

di  

Abbiate  

Guazzone,  

membro  

di  

diritto.Il  

  

Consiglio  

  

di  

  

Amministrazione  

  

dura  

  

in  

  

carica  

  

quattro  

  

anni  

  

a  

decorrere  

  

dalla  

  

data  

  

di  

  

insediamento  

  

del  

  

Consiglio  

stesso.  

  

I  

  

componenti  

  

possono  

  

essere  

  

riconfermati,  

  

(ad  

 

eccezione  

  

del  

  

rappresentante  

  

dei  

  

genitori  

  

che  

  

rimane  

  

in  

carica  

  

fintanto  

  

che  

  

il  

  

proprio  

  

figlio  

  

frequenti  

  

la  

 

scuola).  

  

L’eventuale  

  

surroga  

  

del  

  

genitore  

  

scaduto  

  

per  

  

il  

  

periodo  

mancante  

  

al  

  

compimento  

  

del  

  

quarto  

  

anno  

 

di  

  

durata  

  

in  

  

carica  

  

dell’intero  

  

Consiglio,  

  

sarà  

  

effettuata  

  

con  

  

il  

  

primo  

  

dei  

non  

  

eletti  

  

della  

  

lista  

  

dei  

  

candidati  

 

che  

  

hanno  

  

partecipato  

  

all’ultima  

  

elezione;  

  

in  

  

caso  

  

di  

  

non  

  

accettazione  

  

del  

genitore  

  

avente  

  

diritto,  

  

si  

procederà  

  

con  

  

il  

  

secondo  

  

dei  

  

non  

  

eletti  

  

fino  

  

a  

  

termine  

  

lista,  

  

dopo  

  

di  

  

che  

  

si  

  

procederà  

  

a  

nuova

votazione

segreta.

Art.n°8  

  

I  

  

componenti  

  

del  

  

Consiglio  

  

di  

  

amministrazione  

  

che  

  

senza  

  

giustificato  

  

motivo  

  

non  

  

intervengono  

  

a  

 

tre  

riunioni  

  

consecutive  

 

vengono  

  

dichiarati  

  

decaduti  

  

dalla  

  

carica.  

  

La  

  

decadenza  

  

è  

  

pronunciata  

  

dal  

  

Consiglio  

 

stesso che valuterà tutte le ragioni di opportunità del provvedimento medesimo.

Art.n°9  

  

Non  

  

possono  

  

far  

  

parte  

  

del  

  

Consiglio,  

  

se  

  

nominati  

  

dall’ufficio,  

  

gli  

  

interdetti,  

  

gli  

  

inabilitati,  

  

i  

  

falliti,  

  

i  

 

condannati  

  

a  

pena  

  

che  

  

comporta  

  

l’interdizione  

  

anche  

  

temporanea  

  

dai  

  

pubblici  

  

uffici  

  

o  

  

l’incapacità  

  

ad  

 

esercitare  

  

uffici  

  

direttivi  

  

ed  

in  

  

genere  

  

coloro  

  

che  

  

si  

  

trovano  

  

in  

  

condizioni  

  

di  

  

incompatibilità  

  

secondo  

  

la

vigente  

  

legislazione  

  

o  

  

secondo  

  

gli  

  

scopi  

e  

  

le  

  

finalità  

  

della  

  

scuola  

  

stessa.  

  

Nella  

  

sua  

  

prima  

  

adunanza,  

  

prima  

 

di   

   

deliberare   

   

su   

   

qualsiasi   

   

altro   

   

oggetto,   

   

il   

Consiglio   

verifica   

l’assenza   

di   

cause   

di   

ineleggibilità   

ed

incompatibilità dei propri componenti.

Art.n°10   

Al   

consiglio   

spettano   

tutti   

poteri   

per   

l’amministrazione   

ordinaria   

e   

straordinaria   

della   

Fondazione.•   

delibera  

  

i  

  

regolamenti  

  

del  

  

personale,  

  

quelli  

  

relativi  

  

alla  

 

vita  

  

comunitaria  

  

e  

  

quelli  

  

inerenti  

  

al  

  

funzionamento  

 

della  

scuola  

  

•  

  

assume,  

  

sospende,  

  

licenza  

  

il  

  

personale  

  

in  

  

conformità  

  

alle  

  

disposizioni  

  

previste  

  

dal  

  

C.C.N.L.  

 

di  

  

  

  

categoria  

  

e  

  

dal  

regolamento  

organico  

del  

personale•  

delibera  

le  

convenzioni  

con  

enti  

pubblici  

e  

privati•

delibera  

su  

contratti  

di  

locazione,  

fornitura  

e  

somministrazione•  

delibera  

sull’acquisto  

e  

l’alienazione  

di  

titoli  

e

bene  

mobili,  

sull’accettazione  

di  

donazioni,  

eredità  

e  

lasciti•  

  

delibera  

  

l’alienazione  

  

di  

  

beni  

  

immobili  

  

alle  

condizioni  

  

di  

  

cui  

  

all’art  

  

17  

  

–  

  

comma  

  

2  

  

–  

  

del  

  

decreto  

  

legislativo  

207/2001,  

con  

il  

voto  

favorevole  

dialmeno

quattro  

dei  

suoi  

componenti  

(prevedere  

una  

maggioranza  

qualificata)•  

delibera  

l’importo  

delle  

rette  

di  

frequenza•

approva  

il  

bilancio•  

  

  

delibera  

  

  

in  

  

  

ordine  

  

  

ad  

  

  

eventuali  

  

  

modifiche  

  

  

dello  

  

  

statuto  

  

  

con  

  

  

il  

 

voto  

  

  

favorevole  

  

  

di  

  

almeno  

  

  

quattro  

  

  

dei  

  

  

suoi  

componenti.•  

adempie  

infine  

a  

tutte  

le  

funzioni  

ad  

esso  

attribuite  

dalla  

legge  

e  

dai

regolamenti

Art.n°11  

  

Il  

  

consiglio  

  

di  

  

amministrazione  

  

si  

  

riunisce  

  

tutte  

  

le  

  

volte  

  

che  

  

il  

  

Presidente  

  

lo  

  

ritenga  

  

necessario  

  

o  

 

che  

  

ne  

  

sia  

fatta  

  

richiesta  

  

scritta  

  

e  

  

motivata  

  

da  

  

almeno  

  

due  

  

dei  

  

suoi  

  

componenti  

  

e  

  

comunque  

  

almeno  

  

due  

 

volte  

  

l’anno  

  

per  

approvare  

il  

bilancio  

e  

per  

definire  

il  

programma  

di  

lavoro  

per  

l’anno  

scolastico  

successivo.  

La

convocazione  

  

avviene  

  

mediante  

  

avviso  

  

scritto  

  

contenente  

  

l’ordine  

  

del  

  

giorno  

  

da  

  

recapitare  

  

a  

  

tutti  

  

i  

Consiglieri  

almeno  

  

  

cinque  

  

  

giorni  

  

  

prima  

  

  

del  

  

  

giorno  

  

  

fissato  

  

  

per  

  

  

l’adunanza.  

  

  

Per  

  

  

la  

  

  

validità  

  

  

delle  

  

deliberazioni  

  

  

occorre  

  

  

la  

presenza  

  

di  

  

almeno  

  

n  

  

tre  

  

dei  

  

membri  

  

in  

  

carica  

  

del  

  

consiglio.  

  

Le  

  

deliberazioni  

 

sono  

validamente  

  

assunte  

  

con  

  

il  

voto  

favorevole  

  

della  

  

maggioranza  

  

assoluta  

  

dei  

  

presenti,  

  

ad  

  

eccezione  

  

di  

 

quanto  

  

previsto  

  

dagli  

  

alinea  

  

6  

  

a  

  

9  

  

del  

precedente  

  

  

articolo.  

  

  

Le  

  

  

votazioni  

  

  

avvengono  

  

  

per  

  

  

appello  

  

nominale  

  

  

o  

  

  

con  

  

  

voto  

  

  

segreto,  

  

  

a  

  

  

discrezione  

  

  

del  

Presidente.  

  

Le  

  

deliberazioni  

  

relative  

  

a  

  

questioni  

 

concernenti  

  

persone  

  

debbono  

  

essere  

  

prese  

  

sempre  

  

con  

  

voto  

segreto.  

  

Le  

  

riunioni  

  

del  

  

Consiglio  

  

sono  

 

presiedute  

  

dal  

  

Presidente  

  

in  

  

sua  

  

assenza  

  

dal  

 

vice  

  

presidente  

  

e,  

  

in  

  

assenza  

di  

  

entrambi,  

  

dal  

  

consigliere  

  

più  

 

anziano  

  

tra  

  

i  

  

presenti.  

  

Alle  

  

riunioni  

  

possono  

  

partecipare,  

  

su  

  

invito  

  

del  

  

Presidente,  

persone  

estranee  

al

Consiglio o esperti,che interverranno a titolo consultivo, senza diritto di voto.

Art.n°12  

  

Di  

  

ogni  

  

riunione  

  

verrà  

  

redatto,  

  

su  

  

apposito  

  

libro  

  

e  

  

a  

  

cura  

  

del  

  

Segretario,  

  

il  

  

relativo  

  

verbale.  

  

Il  

 

verbale  

  

deve  

essere  

  

sottoscritto  

  

dal  

  

Presidente  

  

e  

  

dal  

  

Segretario  

  

e  

  

da  

  

tutti  

  

i  

  

Consiglieri  

  

intervenuti  

  

alla  

 

riunione.  

  

Ogni  

  

consigliere  

ha  

  

diritto  

  

di  

  

fare  

  

inserire  

  

nel  

verbale  

  

una  

  

sintesi  

  

delle  

  

sua  

  

dichiarazioni  

  

riserve  

 

espresse  a  giustificazione  del  proprio voto.

PRESIDENTE E SEGRETARIO

Art.n°13  

  

Il  

  

consiglio  

  

di  

  

amministrazione  

  

nella  

  

sua  

  

prima  

  

adunanza  

  

è  

  

presieduto  

  

dal  

  

consigliere  

  

più  

  

anziano  

 

d’età  

  

ed  

elegge  

  

nel  

  

proprio  

  

seno  

  

il  

  

Presidente  

  

ed  

  

il  

 

vice  

  

presidente.  

  

Il  

  

Presidente  

  

resta  

  

in  

  

  

  

carica  

  

per  

  

tutta  

 

la  

  

durata  

  

del  

Consiglio.  

  

Le  

  

funzioni  

  

del  

  

Presidente  

  

in  

  

caso  

  

di  

  

assenza  

  

od  

  

impedimento  

  

sono  

  

demandata  

  

al

Vice  

  

presidente  

  

ed  

  

in  

caso  

di  

assenza  

di  

entrambi,  

al  

Consigliere  

più  

anziano  

di  

nomina  

e  

in  

pari  

anzianità  

di

nomina, al più anziano di età

Art.n°14  

  

Il  

  

Presidente  

  

del  

  

Consiglio  

  

di  

  

amministrazione  

  

esercita  

  

tutte  

  

le  

  

funzioni  

  

a  

  

lui  

  

conferite  

  

dalla  

  

legge  

 

e  

  

dal  

presente  

  

Statuto  

  

o  

  

a  

  

lui  

  

delegate  

  

dal  

  

Consiglio  

  

di  

  

amministrazione.  

  

Egli  

  

cura  

  

l’esecuzione  

  

delle  

 

delibere  

  

assunte  

dal  

  

Consiglio  

  

medesimo.  

  

Nei  

  

casi  

  

di  

  

urgenza  

  

può  

  

esercitare  

  

i  

  

poteri  

  

del  

  

Consiglio,  

  

salvo  

 

ratifica  da  parte  di quest’ultimo nella sua prima riunione.

Art.n°15  

  

Il  

  

Segretario  

  

è  

  

nominato  

  

dal  

  

Consiglio  

  

di  

  

amministrazione  

  

nel  

  

proprio  

  

seno  

  

o  

  

all’esterno.  

  

Egli  

 

assiste  

  

alle  

adunanze  

  

  

del  

  

  

Consiglio  

  

  

di  

  

  

amministrazione  

  

  

delle  

  

  

quali  

  

  

redige  

  

  

i  

 

verbali  

  

  

sottoscrivendoli  

  

  

col  

  

Presidente  

  

  

e  

  

  

coi  

  

  

Consiglieri,  

  

cura  

  

gli  

  

aspetti  

  

amministrativi  

  

della  

  

scuola,  

  

custodisce  

  

gli  

  

atti  

  

ed  

  

i  

documenti   

   

dell’amministrazione.   

   

Il   

Segretario   

   

ha   

   

la   

   

responsabilità   

   

diretta   

   

nella   

   

predisposizione   

   

e   

nell’annuazione  

  

degli  

  

atti  

  

contabili,  

  

di  

  

ragioneria,  

  

di  

economato  

  

  

e  

  

  

nell’organizzazione  

  

  

del  

  

  

lavoro  

  

  

di  

  

segreteria.  

  

  

Egli  

  

  

risponde  

  

  

del  

  

  

proprio  

  

  

operato  

  

  

direttamente  

  

  

al  

Presidente  

del  

Consiglio  

di  

amministrazione

ed opera secondo le sue direttive.

Art.n°16  

  

Le  

  

dimissioni  

  

di  

  

un  

  

membro  

  

del  

  

Consiglio  

  

d’amministrazione  

  

devono  

  

essere  

  

iscritte  

  

dal  

  

Presidente  

 

,  

  

tra  

  

gli  

argomenti  

  

posti  

  

all’ordine  

  

del  

  

giorno  

  

della  

  

prima  

  

adunanza  

  

successiva  

  

alla  

  

data  

  

di  

  

comunicazione  

 

delle  

  

dimissioni  

stesse.  

  

Nel  

  

caso  

  

di  

  

cui  

  

il  

  

Consiglio  

  

deliberi  

  

l’accettazione  

  

delle  

  

dimissioni,  

  

il  

  

Presidente  

  

ne  

 

dà  

  

immediato  

  

avviso  

all’organo  

  

o  

  

autorità  

  

competente  

  

affinché  

  

proceda  

  

alla  

  

designazione  

  

del  

  

nuovo  

consigliere.  

  

Con  

  

la  

  

medesima  

  

modalità  

  

  

si  

  

  

procede  

  

  

in  

  

  

caso  

  

  

di  

  

  

morte,  

  

  

d’impedimento  

  

  

permanente  

  

all’esercizio  

  

  

delle  

  

  

funzioni  

  

  

e  

  

  

nel  

  

  

caso  

  

  

di  

decadenza  

di  

un  

membro  

del  

Consiglio  

stesso.  

Il  

Consigliere

nominato in sostituzione resta in carica sino alla  naturale scadenza del Consiglio.

Art.n°17 Per quanto non previsto dal presente statuto si applicano le disposizioni delle leggi Vigenti.

Abbiate Guazzone, 10 ottobre 2003

Via Galli 99 Abbiate Guazzone        21049 Tradate (Va) 0331 849507   P.Iva 00845730126 - R.e.a. Va-291338 info@asiloabbiateguazzone.it, asilo@pec.asiloabbiateguazzone.it http://www.asiloabbiateguazzone.it

FONDAZIONE ASILO ABBIATE G.NE

La consapevolezza che la Scuola è comunità educante e che

attraverso l’impegno e le conoscenze, favorisce la crescita

delle potenzialità individuali.

ORIGINI

Art.n°1  

L’attuale  

scuola  

materna  

Asilo  

infantile  

di  

Abbiate

Guazzone   

fu   

istituita   

per   

effetto   

di   

apporti   

pubblici   

e

privati  

nel  

1904  

La  

scuola  

fu  

eretta  

in  

ente  

morale  

con  

RD

in  

data  

29  

Settembre  

1904  

ed  

assunse  

la  

qualifica  

di  

IPAB,

regolata   

dalle   

norme   

della   

legge   

17/71890   

n.   

6972   

e

succ.  

modd.  

A  

seguito  

del  

D.P.R.  

24/7/1977  

n.  

616,  

con

decreto  

del  

Presidente  

del  

Consiglio  

dei  

Ministri  

in  

data

1978    

Pubblicato    

sulla    

Gazzetta    

Ufficiale    

n361….    

Del

29/12/78   

lAsilo   

Infantile   

di   

Abbiate   

Guazzone   

Venne

ricompressa  

tra  

le  

II.PP.A.B.  

escluse  

dal  

trasferimento  

ai

comuni   

“in   

quanto   

svolgenti   

in   

modo   

precipuo   

attività

inerenti  

la  

sfera  

educativo-religiosa”.  

Il  

presente  

statuto

viene  

approvato  

unitamente  

alla  

trasformazione  

dell’ente

da   

I.P.A.B.   

in   

persona   

giuridica   

di   

diritto   

privato   

senza

scopo  

di  

lucro,  

trasformazione  

deliberata  

dall’ente  

stesso

in attuazione della L. 13.2.2003 n. 1

DENOMINAZIONE – SEDE – DURATA – SCOPI

Art.n°2  

A  

seguito  

della  

trasformazione  

di  

cui  

all’art.  

1  

la

scuola.MATERNA  

Asilo  

Infantile  

di  

Abbiate  

Guazzone  

È

una  

Fondazione  

regolata  

dagli  

articoli  

14  

e  

seguenti  

del

Codice  

civile,  

ha  

durata  

illimitata  

ed  

ha  

sede  

in

Tradate

via

Galli n. 99

Art.n°3  

L’asilo  

infantile  

di  

Abbiate  

Guazzone  

è  

una  

scuola

privata  

d’ispirazione  

cattolica  

non  

si  

non  

si  

prefigge  

fini  

di

lucro  

e  

svolge  

la  

sua  

attività  

nell’ambito  

territoriale  

della

Regione   

Lombardia.   

Essa   

ha   

lo   

scopo   

di   

accogliere,

secondo  

il  

calendario  

stabilito  

dal  

regolamento  

interno,  

i

bambini  

di  

entrambi  

i  

sessi  

in  

età  

prescolare  

del  

comune

di  

Tradate   

e,   

nel   

caso  

vi   

siano   

posti   

disponibili,   

anche

bambini  

provenienti  

da  

altri  

comuni  

limitrofi,  

provvedendo

alla   

loro   

educazione   

ed   

istruzione,   

morale,   

culturale   

e

religiosa, nei limiti consentiti dalla loro età.

Art.n°4   

I   

bambini   

ammessi   

alla   

scuola   

materna   

non

possono   

rimanervi   

oltre   

i   

termini   

previsti   

secondo   

le

vigenti leggi, per ricevere l’istruzione elementare

Art.n°5  

Apposito   

regolamento   

stabilisce   

le   

norme   

sulle

modalità  

e  

sui  

requisiti  

di  

ammissione  

e  

frequenza.Nella

scuola  

è  

vietata  

ogni  

forma  

di  

discriminazione  

e  

disparità

di trattamento tra i bambini.

PATRIMONIO E MEZZI FINAZIARI

Art.n°6  

La  

scuola  

provvede  

al  

raggiungimento  

dei  

propri

fini:   

con   

proventi   

derivanti   

dal   

patrimonio,   

il   

quale   

è

costituito da un immobile con valore di Euro 1.833.913,66

• Con le rette degli utenti

• Con in contributi di enti pubblici e privati

•  

Con  

ogni  

altro  

provento  

non  

espressamente  

attribuito

all’incremento   

del   

patrimonio.   

L’esercizio   

finanziario   

si

chiude al 31 dicembre di ogni anno

ORGANI DELLA FONDAZIONE

Art.n°7  

L’Asilo  

infantile  

di  

Abbiate  

Guazzone  

e  

retto  

da  

un

Consiglio  

di

Amministrazione  

composto  

da  

n.  

5  

membri:  

il

Consiglio  

nomina  

nel  

proprio  

seno  

il  

Presidente  

ed  

il  

Vice

Presidente.

Fanno  

parte  

del  

Consiglio  

di  

amministrazione  

i  

seguenti

membri:

•  

N.  

2  

rappresentanti  

del  

Consiglio  

Comunale,  

di  

cui  

1

della minoranza

•   

N.   

2   

rappresentati   

dei   

genitori,   

da   

essi   

eletti   

con

apposita votazione segreta;

•   

Il   

Parroco   

pro   

tempore   

della   

Parrocchia   

di   

Abbiate

Guazzone, membro di diritto.

Il  

Consiglio  

di

Amministrazione  

dura  

in  

carica  

quattro  

anni

a   

decorrere   

dalla   

data   

di   

insediamento   

del   

Consiglio

stesso.   

I   

componenti   

possono   

essere   

riconfermati,   

(ad

eccezione  

del  

rappresentante  

dei  

genitori  

che  

rimane  

in

carica  

fintanto  

che  

il  

proprio  

figlio  

frequenti  

la  

scuola).

L’eventuale  

surroga  

del  

genitore  

scaduto  

per  

il  

periodo

mancante  

al  

compimento  

del  

quarto  

anno  

di  

durata  

in

carica  

dell’intero  

Consiglio,  

sarà  

effettuata  

con  

il  

primo

dei    

non    

eletti    

della    

lista    

dei    

candidati    

che    

hanno

partecipato     

all’ultima     

elezione;     

in     

caso     

di     

non

accettazione  

del  

genitore  

avente  

diritto,  

si  

procederà  

con

il  

secondo  

dei  

non  

eletti  

fino  

a  

termine  

lista,  

dopo  

di  

che

si procederà a nuova votazione segreta.

Art.n°8   

I   

componenti   

del   

Consiglio   

di   

amministrazione

che   

senza   

giustificato   

motivo   

non   

intervengono   

a   

tre

riunioni   

consecutive   

vengono   

dichiarati   

decaduti   

dalla

carica.  

La  

decadenza  

è  

pronunciata  

dal  

Consiglio  

stesso

che    

valuterà    

tutte    

le    

ragioni    

di    

opportunità    

del

provvedimento medesimo.

Art.n°9  

Non  

possono  

far  

parte  

del  

Consiglio,  

se  

nominati

dall’ufficio,  

gli  

interdetti,  

gli  

inabilitati,  

i  

falliti,  

i  

condannati

a  

pena  

che  

comporta  

l’interdizione  

anche  

temporanea

dai  

pubblici  

uffici  

o  

l’incapacità  

ad  

esercitare  

uffici  

direttivi

ed   

in   

genere   

coloro   

che   

si   

trovano   

in   

condizioni   

di

incompatibilità     

secondo     

la     

vigente     

legislazione     

o

secondo  

gli  

scopi  

e  

le  

finalità  

della  

scuola  

stessa.  

Nella

sua  

prima  

adunanza,  

prima  

di  

deliberare  

su  

qualsiasi  

altro

oggetto,    

il    

Consiglio    

verifica    

l’assenza    

di    

cause    

di

ineleggibilità ed incompatibilità dei propri componenti.

Art.n°10     

Al      

consiglio      

spettano      

tutti      

poteri      

per

l’amministrazione      

ordinaria      

e      

straordinaria      

della

Fondazione.

•  

delibera  

i  

regolamenti  

del  

personale,  

quelli  

relativi  

alla

vita  

comunitaria  

e  

quelli  

inerenti  

al  

funzionamento  

della

scuola

  

•  

assume,  

sospende,  

licenza  

il  

personale  

in  

conformità

alle  

disposizioni  

previste  

dal  

C.C.N.L.  

di  

  

categoria  

e  

dal

regolamento organico del personale

• delibera le convenzioni con enti pubblici e privati

•     

delibera     

su     

contratti     

di     

locazione,     

fornitura     

e

somministrazione

•   

delibera   

sull’acquisto   

e   

l’alienazione   

di   

titoli   

e   

bene

mobili, sull’accettazione di donazioni, eredità e lasciti

•  

delibera  

l’alienazione  

di  

beni  

immobili  

alle  

condizioni  

di

cui   

all’art   

17   

–   

comma   

2   

–   

del   

decreto   

legislativo

207/2001,   

con   

il  

voto   

favorevole   

dialmeno   

quattro   

dei

suoi      

componenti      

(prevedere      

una      

maggioranza

qualificata)

• delibera l’importo delle rette di frequenza

• approva il bilancio

•  

delibera  

in  

ordine  

ad  

eventuali  

modifiche  

dello  

statuto

con    

il   

voto    

favorevole    

di    

almeno    

quattro    

dei    

suoi

componenti.

•  

adempie  

infine  

a  

tutte  

le  

funzioni  

ad  

esso  

attribuite  

dalla

legge e dai regolamenti

Art.n°11  

Il  

consiglio  

di  

amministrazione  

si  

riunisce  

tutte  

le

volte  

che  

il  

Presidente  

lo  

ritenga  

necessario  

o  

che  

ne  

sia

fatta  

richiesta  

scritta  

e  

motivata  

da  

almeno  

due  

dei  

suoi

componenti  

e  

comunque  

almeno  

due  

volte  

l’anno  

per

approvare  

il  

bilancio  

e  

per  

definire  

il  

programma  

di  

lavoro

per l’anno scolastico successivo. La

convocazione       

avviene       

mediante       

avviso       

scritto

contenente   

l’ordine   

del   

giorno   

da   

recapitare   

a   

tutti   

i

Consiglieri  

almeno  

cinque  

giorni  

prima  

del  

giorno  

fissato

per  

l’adunanza.  

Per  

la  

validità  

delle  

deliberazioni  

occorre

la  

presenza  

di  

almeno  

n  

tre  

dei  

membri  

in  

carica  

del

consiglio.  

Le  

deliberazioni  

sono  

validamente  

assunte  

con

il    

voto    

favorevole    

della    

maggioranza    

assoluta    

dei

presenti, ad eccezione di quanto previsto

dagli  

alinea  

6  

a  

9  

del  

precedente  

articolo.  

Le  

votazioni

avvengono per

appello  

nominale  

o  

con  

voto  

segreto,  

a  

discrezione  

del

Presidente. Le deliberazioni relative a questioni

concernenti  

persone  

debbono  

essere  

prese  

sempre  

con

voto segreto. Le riunioni del Consiglio sono

presiedute    

dal    

Presidente    

in    

sua    

assenza    

dal    

vice

presidente e, in assenza di entrambi, dal consigliere

più    

anziano    

tra    

i    

presenti.    

Alle    

riunioni    

possono

partecipare, su invito del Presidente, persone estranee

al     

Consiglio     

o     

esperti,che     

interverranno     

a     

titolo

consultivo, senza diritto di voto.

Art.n°12  

Di  

ogni  

riunione  

verrà  

redatto,  

su  

apposito  

libro  

e

a cura del Segretario, il relativo verbale. Il

verbale   

deve   

essere   

sottoscritto   

dal   

Presidente   

e   

dal

Segretario e da tutti i Consiglieri intervenuti alla

riunione.   

Ogni   

consigliere   

ha   

diritto   

di   

fare   

inserire   

nel

verbale una sintesi delle sua dichiarazioni o

riserve espresse a giustificazione del proprio voto.

ORGANI DELLA FONDAZIONE

Art.n°7  

L’Asilo  

infantile  

di  

Abbiate  

Guazzone  

e  

retto  

da  

un

Consiglio  

di  

Amministrazione  

composto  

da  

n.  

5  

membri:  

il

Consiglio  

nomina  

nel  

proprio  

seno  

il  

Presidente  

ed  

il  

Vice

Presidente.

Fanno  

parte  

del  

Consiglio  

di  

amministrazione  

i  

seguenti

membri:

•   

N.   

2   

rappresentanti   

del   

Consiglio   

Comunale,   

di   

cui   

1

della minoranza

•  

N.  

2  

rappresentati  

dei  

genitori,  

da  

essi  

eletti  

con  

apposita

votazione segreta;

•   

Il   

Parroco   

pro   

tempore   

della   

Parrocchia   

di   

Abbiate

Guazzone, membro di diritto.

Il  

Consiglio  

di  

Amministrazione  

dura  

in  

carica  

quattro  

anni

a   

decorrere   

dalla   

data   

di   

insediamento   

del   

Consiglio

stesso.   

I   

componenti   

possono   

essere   

riconfermati,   

(ad

eccezione  

del  

rappresentante  

dei  

genitori  

che  

rimane  

in

carica   

fintanto   

che   

il   

proprio   

figlio   

frequenti   

la   

scuola).

L’eventuale  

surroga  

del  

genitore  

scaduto  

per  

il  

periodo

mancante  

al  

compimento  

del  

quarto  

anno  

di  

durata  

in

carica  

dell’intero  

Consiglio,  

sarà  

effettuata  

con  

il  

primo  

dei

non  

eletti  

della  

lista  

dei  

candidati  

che  

hanno  

partecipato

all’ultima    

elezione;    

in    

caso    

di    

non    

accettazione    

del

genitore  

avente  

diritto,  

si  

procederà  

con  

il  

secondo  

dei

non  

eletti  

fino  

a  

termine  

lista,  

dopo  

di  

che  

si  

procederà  

a

nuova votazione segreta.

Art.n°8  

I  

componenti  

del  

Consiglio  

di  

amministrazione  

che

senza  

giustificato  

motivo  

non  

intervengono  

a  

tre  

riunioni

consecutive  

vengono  

dichiarati  

decaduti  

dalla  

carica.  

La

decadenza    

è    

pronunciata    

dal    

Consiglio    

stesso    

che

valuterà  

tutte  

le  

ragioni  

di  

opportunità  

del  

provvedimento

medesimo.

Art.n°9  

Non  

possono  

far  

parte  

del  

Consiglio,  

se  

nominati

dall’ufficio,  

gli  

interdetti,  

gli  

inabilitati,  

i  

falliti,  

i  

condannati  

a

pena  

che  

comporta  

l’interdizione  

anche  

temporanea  

dai

pubblici  

uffici  

o  

l’incapacità  

ad  

esercitare  

uffici  

direttivi  

ed

in    

genere    

coloro    

che    

si    

trovano    

in    

condizioni    

di

incompatibilità  

secondo  

la

vigente  

legislazione  

o  

secondo

gli  

scopi  

e  

le  

finalità  

della  

scuola  

stessa.  

Nella  

sua  

prima

adunanza,  

prima  

di  

deliberare  

su  

qualsiasi  

altro  

oggetto,  

il

Consiglio  

verifica  

l’assenza  

di  

cause  

di  

ineleggibilità  

ed

incompatibilità dei propri componenti.

Art.n°10      

Al      

consiglio      

spettano      

tutti      

poteri      

per

l’amministrazione      

ordinaria      

e      

straordinaria      

della

Fondazione.

•  

delibera  

i  

regolamenti  

del  

personale,  

quelli  

relativi  

alla

vita  

comunitaria  

e  

quelli  

inerenti  

al  

funzionamento  

della

scuola

  

•  

assume,  

sospende,  

licenza  

il  

personale  

in  

conformità

alle  

disposizioni  

previste  

dal  

C.C.N.L.  

di  

  

categoria  

e  

dal

regolamento organico del personale

• delibera le convenzioni con enti pubblici e privati

•     

delibera     

su     

contratti     

di     

locazione,     

fornitura     

e

somministrazione

•   

delibera   

sull’acquisto   

e   

l’alienazione   

di   

titoli   

e   

bene

mobili, sull’accettazione di donazioni, eredità e lasciti

•  

delibera  

l’alienazione  

di  

beni  

immobili  

alle  

condizioni  

di

cui    

all’art    

17    

–    

comma    

2    

–    

del    

decreto    

legislativo

207/2001,  

con  

il

voto  

favorevole  

dialmeno  

quattro  

dei  

suoi

componenti (prevedere una maggioranza qualificata)

• delibera l’importo delle rette di frequenza

• approva il bilancio

•  

delibera  

in  

ordine  

ad  

eventuali  

modifiche  

dello  

statuto

con    

il    

voto    

favorevole    

di    

almeno    

quattro    

dei    

suoi

componenti.

•  

adempie  

infine  

a  

tutte  

le  

funzioni  

ad  

esso  

attribuite  

dalla

legge e dai regolamenti

Art.n°11  

Il  

consiglio  

di  

amministrazione  

si  

riunisce  

tutte  

le

volte  

che  

il  

Presidente  

lo  

ritenga  

necessario  

o  

che  

ne  

sia

fatta  

richiesta  

scritta  

e  

motivata  

da  

almeno  

due  

dei  

suoi

componenti  

e  

comunque  

almeno  

due  

volte  

l’anno  

per

approvare  

il  

bilancio  

e  

per  

definire  

il  

programma  

di  

lavoro

per l’anno scolastico successivo. La

convocazione  

avviene  

mediante  

avviso  

scritto  

contenente

l’ordine   

del   

giorno   

da   

recapitare   

a   

tutti   

i   

Consiglieri

almeno    

cinque    

giorni    

prima    

del    

giorno    

fissato    

per

l’adunanza.  

Per  

la  

validità  

delle  

deliberazioni  

occorre  

la

presenza   

di   

almeno   

n   

tre   

dei   

membri   

in   

carica   

del

consiglio.  

Le  

deliberazioni  

sono  

validamente  

assunte  

con

il

voto  

favorevole  

della  

maggioranza  

assoluta  

dei  

presenti,

ad eccezione di quanto previsto

dagli  

alinea  

6  

a  

9  

del  

precedente  

articolo.  

Le  

votazioni

avvengono per

appello  

nominale  

o  

con  

voto  

segreto,  

a  

discrezione  

del

Presidente. Le deliberazioni relative a questioni

concernenti  

persone  

debbono  

essere  

prese  

sempre  

con

voto segreto. Le riunioni del Consiglio sono

presiedute    

dal    

Presidente    

in    

sua    

assenza    

dal    

vice

presidente e, in assenza di entrambi, dal consigliere

più     

anziano     

tra     

i     

presenti.    

Alle     

riunioni     

possono

partecipare, su invito del Presidente, persone estranee

al  

Consiglio  

o  

esperti,che  

interverranno  

a  

titolo  

consultivo,

senza diritto di voto.

Art.n°12  

Di  

ogni  

riunione

verrà  

redatto,  

su  

apposito  

libro  

e  

a

cura del Segretario, il relativo verbale. Il

verbale   

deve   

essere   

sottoscritto   

dal   

Presidente   

e   

dal

Segretario e da tutti i Consiglieri intervenuti alla

riunione.   

Ogni   

consigliere   

ha   

diritto   

di   

fare   

inserire   

nel

verbale una sintesi delle sua dichiarazioni o

riserve espresse a giustificazione del proprio voto.

PRESIDENTE E SEGRETARIO

Art.n°13   

Il   

consiglio   

di   

amministrazione   

nella   

sua   

prima

adunanza è presieduto dal consigliere più

anziano  

d’età  

ed  

elegge  

nel  

proprio  

seno  

il  

Presidente  

ed

il vice presidente. Il Presidente resta in

carica  

per  

tutta  

la  

durata  

del  

Consiglio.  

Le  

funzioni  

del

Presidente in caso di assenza od impedimento

sono  

demandata  

al  

Vice  

presidente  

ed  

in  

caso  

di  

assenza

di entrambi, al Consigliere più anziano di

nomina e in pari anzianità di nomina, al più anziano di età.

Art.n°14   

Il   

Presidente   

del   

Consiglio   

di   

amministrazione

esercita tutte le funzioni a lui conferite dalla

legge  

e  

dal  

presente  

Statuto  

o  

a  

lui  

delegate  

dal  

Consiglio

di amministrazione. Egli cura l’esecuzione

delle  

delibere  

assunte  

dal  

Consiglio  

medesimo.  

Nei  

casi

di urgenza può esercitare i poteri del

Consiglio,  

salvo  

ratifica  

da  

parte  

di  

quest’ultimo  

nella  

sua

prima riunione.

Art.n°15    

Il    

Segretario    

è    

nominato    

dal    

Consiglio    

di

amministrazione nel proprio seno o all’esterno. Egli

assiste   

alle   

adunanze   

del   

Consiglio   

di   

amministrazione

delle quali redige i verbali sottoscrivendoli col

Presidente  

e  

coi  

Consiglieri,  

cura  

gli  

aspetti  

amministrativi

della scuola, custodisce gli atti ed i

documenti    

dell’amministrazione.    

Il    

Segretario    

ha    

la

responsabilità diretta nella predisposizione e

nell’annuazione    

degli    

atti    

contabili,    

di    

ragioneria,    

di

economato e nell’organizzazione del lavoro di

segreteria.  

Egli  

risponde  

del  

proprio  

operato  

direttamente

al Presidente del Consiglio di

amministrazione ed opera secondo le sue direttive.

Art.n°16    

Le    

dimissioni    

di    

un    

membro    

del    

Consiglio

d’amministrazione devono essere iscritte dal

Presidente  

,  

tra  

gli  

argomenti  

posti  

all’ordine  

del  

giorno

della prima adunanza successiva alla data di

comunicazione  

delle  

dimissioni  

stesse.  

Nel  

caso  

di  

cui  

il

Consiglio deliberi l’accettazione delle

dimissioni,  

il  

Presidente  

ne  

dà  

immediato  

avviso  

all’organo

o autorità competente affinché proceda alla

designazione   

del   

nuovo   

consigliere.   

Con   

la   

medesima

modalità si procede in caso di morte,

d’impedimento  

permanente  

all’esercizio  

delle  

funzioni  

e

nel caso di decadenza di un membro del

Consiglio  

stesso.  

Il  

Consigliere  

nominato  

in  

sostituzione

resta in carica sino alla naturale scadenza del

Consiglio.

Art.n°17  

Per  

quanto  

non  

previsto  

dal  

presente  

statuto  

si

applicano le disposizioni delle leggi Vigenti.

Abbiate Guazzone, 10 ottobre 2003